chiropraticatoday logo

Malocclusione dentale e Chiropratica: quando il problema origina dalla bocca

Malocclusione dentale e Chiropratica: quando il problema origina dalla bocca

Share

Altre notizie

Mal di testa e Chiropratica

L'apporto del dottore chiropratico nell'approccio ai diversi tipi di mal di testa

Mal di schiena in ufficio: benefici dei cambiamenti posturali. I dati di uno studio

Indagata la relazione tra cambio di postura e riduzione del dolore

Postura ed emozioni: quale relazione? La parola al chiropratico

Un'indagine sul legame tra le nostre emozioni e la nostra postura, dal punto di vista del dottore chiropratico

Bert van der Tol: “La Chiropratica? Aperta al nuovo, rispettosa della tradizione”

Intervista esclusiva al noto imprenditore olandese attivo da molti anni nel settore della Chiropratica.

Malocclusione dentale e Chiropratica: quando il problema origina dalla bocca

Malocclusione dentale e Chiropratica: quando il problema origina dalla bocca. Come noto, il dottore in Chiropratica è specializzato nell’individuare gli squilibri del sistema strutturale e posturale. È importante, perciò, capire dove possono crearsi le maggiori interferenze nell’equilibrio strutturale o posturale. Le due funzioni basilari per un buon equilibrio sono la deglutizione e la deambulazione.

Tutta la struttura della bocca, i denti e la lingua hanno un’enorme importanza neurologica. Basti pensare che un terzo dei circuiti cerebrali vengono utilizzati per la gestione della masticazione e della deglutizione. Queste funzioni sono in vario modo collegate all’occlusione, cioè all’allineamento e al combaciamento dei denti. Se i denti non combaciano in modo giusto, potrà crearsi un’interferenza con un terzo del nostro sistema nervoso; in altre parole, se l’occlusione non è corretta, potranno arrivare impulsi errati al nostro cervello, che a sua volta controllerà male la parte motoria del corpo, alterandone la struttura.

Malocclusione dentale e Chiropratica: quando il problema origina dalla bocca

In un sistema basato su un equilibrio che nasce dall’interrelazione, lo squilibrio di un elemento provoca lo squilibrio dell’intero sistema. È fondamentale capire se il problema è di carattere “discendente”, se cioè nasce dalla bocca, o “ascendente”, cioè un problema che nasce in basso, nei piedi o nel bacino o ovunque al di sotto della bocca. Ci sono poi situazioni né del primo né del secondo tipo, che possono essere classificate come “miste”. Per esempio una piccola otturazione, un po’ più “alta” del necessario, che provoca un contatto prematuro di un dente, facendolo toccare prima degli altri, può causare tutta una serie di reazioni muscolari a catena.

Per evitare di sentire quel noioso disturbo, il corpo mette in atto dei meccanismi per eliminarlo. La mandibola sarà spostata da un lato per non sentire il dente più alto. I muscoli della masticazione verranno contratti in maniera anormale, cioè qualche muscolo dovrà contrarsi di più e qualcuno di meno per deviare la traiettoria della mandibola. Lo squilibrio dei muscoli della masticazione creerà uno squilibrio dei muscoli del collo: avremo, perciò, una spalla più alta dell’altra e la muscolatura del tronco sarà coinvolta, compensando il tutto con la creazione di curve scoliotiche nella colonna vertebrale.

Le conseguenze di un piccolo problema, come quello di un’otturazione sbagliata, possono quindi essere disastrose. Lo stesso succede se manca un dente. La lingua, non essendo più contenuta all’interno dell’arcata dentaria dal lato dove manca un dente, eserciterà nella deglutizione una forza non più centrata verso il palato, bensì nella zona priva del dente, protrudendo dall’arcata dentaria stessa. Questa situazione produrrà uno squilibrio nei muscoli sottostanti la mandibola con tutta la serie di meccanismi che abbiamo già visto.

Tali squilibri non sempre risultano in queste situazioni estreme e non tutti i pazienti dei dentisti sono destinati a essere trattati dalla Chiropratica, mentre è ovvio che, quando il chiropratico stabilisce, attraverso specifici test, che l’interferenza primaria nella postura del paziente è dovuta a problemi di occlusione, gli consiglierà una visita dal dentista per un primo approccio terapeutico.

Chi è Kristian Baekkel

Kristian Baekkel
Kristian Baekkel, DC

Kristian Baekkel si laurea Palmer College of Chiropractic nel 1987. Si trasferisce in Italia nel
1989. Nel corso degli anni acquisisce una vasta conoscenza nel campo della Kinesiologia
Applicata e insegna nella Accademia Italiana Kinesiologia Applicata (AIKA). Ha un diploma
in Bio Energetic Syncronisation Technique(BEST) e ha partecipato a più di 1500 ore di studi post-laurea nelle tecniche Total Body Modification (TBM), Sacro Occipital Technique e Matrix
Energetics. Nutre da sempre speciale interesse per la Chiropratica sportiva, che lo ha  ortato ad avere due diplomi di Chiropratica sportiva post-laurea; C.C.S.P. dal Northwestern College of Chiropractic negli Stati Uniti e Il diploma I.C.S.S.D. della Federation Internationale de Chiropratique du Sport a Lausanne(Svizzera). Il Dott. Baekkel ha lavorato come consulente chiropratico per la Juventus (1999-2000) e per il Milan (2004-2010 e 2011-2012).

DISCLAIMER

Le informazioni esposte nel sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate e/o rimosse in ogni momento, e in alcun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di una diagnosi e/o la prescrizione di un trattamento medico. Le informazioni contenute nel sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello degli specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni riportate nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati.