chiropraticatoday logo

Postura ed emozioni: quale relazione? La parola al chiropratico

Un'indagine sul legame tra le nostre emozioni e la nostra postura, dal punto di vista del dottore chiropratico

Share

Altre notizie

Mal di testa e Chiropratica

L'apporto del dottore chiropratico nell'approccio ai diversi tipi di mal di testa

Mal di schiena in ufficio: benefici dei cambiamenti posturali. I dati di uno studio

Indagata la relazione tra cambio di postura e riduzione del dolore

Bert van der Tol: “La Chiropratica? Aperta al nuovo, rispettosa della tradizione”

Intervista esclusiva al noto imprenditore olandese attivo da molti anni nel settore della Chiropratica.

Disregolazione psicoemotiva e conseguenze diffuse sull’organismo: dallo stress al dolore cronico. Il punto di vista della medicina funzionale.

L'evento on-line di aggiornamento per operatori della salute integrata tenuto dal Dott. Joseph Cannillo, biologo, docente di naturopatia e fitoterapia, chiropratico e direttore scientifico del laboratorio Forza Vitale.

Postura ed emozioni: quale relazione? La parola al chiropratico

Postura ed emozioni: quale relazione? La parola al chiropratico. La connessione tra le nostre emozioni e la nostra postura è un argomento di grande interesse che, in questi ultimi anni ma non solo, ha attirato l’attenzione di ricercatori e professionisti della salute. La postura è spesso considerata un riflesso della nostra salute fisica, ma esiste anche una stretta relazione tra la postura e il nostro mondo emotivo. Ma in che modo le emozioni e gli stati d’animo influenzano la nostra postura? Quanto è importante comprendere questa interconnessione per migliorare la salute complessiva del corpo?

Postura ed emozioni: quale relazione?

La postura umana è il risultato di una complessa interazione tra muscoli, ossa e sistema nervoso. In questo processo, le emozioni svolgono un ruolo fondamentale nel determinare in che modo ci muoviamo e quali posizioni assumiamo. Quando siamo felici, per esempio, spesso assumiamo una postura aperta ed eretta, con la testa alta e le spalle all’indietro. Al contrario, situazioni stressanti o forse tristi possono portarci ad assumere una postura contratta, con la testa china e le spalle curve.

Postura ed emozioni: il lato neurologico

A livello neurologico, le emozioni sono strettamente legate alla nostra postura. Il cervello invia segnali ai muscoli attraverso il sistema nervoso, così da adattare il nostro corpo alle diverse emozioni e ai diversi stati d’animo in cui possiamo venire a trovarci durante la nostra quotidianità. Per esempio, lo stress cronico può portare a tensioni muscolari persistenti, giungendo così a influenzare la postura nel lungo termine. Questo collegamento tra mente e corpo evidenzia l’importanza di considerare entrambi gli aspetti, emotivo e funzionale, per mantenere una buona postura che ci consenta, a sua volta, di mantenerci in buona salute.

Origini Chiropratica? Non nasce per curare il mal di schiena

Postura ed emozioni: gli effetti a lungo termine

Le emozioni prolungate e gli stati d’animo persistenti possono avere un impatto significativo sulla postura nel corso del tempo. Per esempio, l’ansia costante può contribuire allo sviluppo di tensioni muscolari croniche, che a loro volta influenzano la postura quotidiana. Questo ciclo può diventare un problema persistente se non affrontato, contribuendo a condizioni posturali potenzialmente in grado di generare disturbi muscolo-scheletrici.

Postura ed emozioni: cosa puà fare la Chiropratica

La Chiropratica, con il suo approccio olistico alla salute, riconosce l’importanza di considerare le emozioni nel contesto della postura. I dottori chiropratici valutano non solo la struttura fisica del corpo, ma anche il benessere emotivo del paziente. Attraverso specifici trattamenti, quali gli aggiustamento vertebrali, la Chiropratica mira a migliorare l’allineamento e la funzione della nostra colonna vertebrale e dunque del nostro intero corpo, tenendo in alta considerazione anche l’influenza che le emozioni e gli stati d’animo possono esercitare sulla postura.

postura ed emozioni chiropratica
Immagine di senivpetro su Freepik

L’importanza della consapevolezza

La consapevolezza della connessione tra emozioni e postura è il primo passo per prevenire potenziali problemi. Le persone possono imparare a riconoscere come le loro emozioni influenzano la postura e adottare strategie per mitigare gli effetti negativi. Attività come un adeguato esercizio fisico, pilates, meditazione possono essere particolarmente utili nel ridurre lo stress emotivo e favorire una postura corretta a tutto vantaggio della nostra salute.

Fabio Concato: “La Chiropratica? Una filosofia di vita”

In conclusione, il legame tra emozioni e postura è un aspetto cruciale della nostra salute complessiva. Comprendere questa interconnessione consente di adottare un approccio più completo alla salute, integrando pratiche che tengano conto sia del benessere emotivo che della postura fisica. La Chiropratica emerge come un valido alleato in questo contesto, offrendo approcci mirati a migliorare sia la salute fisica che emotiva dei pazienti. Investire nella consapevolezza e nella cura di entrambi gli aspetti può contribuire significativamente al mantenimento di una vita sana e equilibrata.

Antonio Gil, DC

Antonio Gil chiropratico atalanta
Antonio Gil, DC. Chiropratico in Milano.

Originario di Santa Barbara, in California, Antonio Gil, arriva in Italia nel novembre del 1985, un anno dopo essersi laureato in Chiropratica presso il Palmer College di Davenport (Iowa, U.S.A.), e proprio nel nostro Paese inizia la vera e propria carriera chiropratica. Da subito le soddisfazioni non mancano, così come i riconoscimenti da parte di pazienti e colleghi. Infatti per la sua continua ricerca in ambito chiropratico viene nominato già nel 1998 Chiropratico dell’Anno, titolo assegnato dall’Associazione Italiana Chiropratici (AIC). È socio fondatore di Chiropratica Citylife, in Milano.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte nel sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate e/o rimosse in ogni momento, e in alcun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di una diagnosi e/o la prescrizione di un trattamento medico. Le informazioni contenute nel sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello degli specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni riportate nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati.