chiropraticatoday logo

Mal di schiena in ufficio: benefici dei cambiamenti posturali. I dati di uno studio

Indagata la relazione tra cambio di postura e riduzione del dolore

Share

Altre notizie

Mal di testa e Chiropratica

L'apporto del dottore chiropratico nell'approccio ai diversi tipi di mal di testa

Postura ed emozioni: quale relazione? La parola al chiropratico

Un'indagine sul legame tra le nostre emozioni e la nostra postura, dal punto di vista del dottore chiropratico

Bert van der Tol: “La Chiropratica? Aperta al nuovo, rispettosa della tradizione”

Intervista esclusiva al noto imprenditore olandese attivo da molti anni nel settore della Chiropratica.

Disregolazione psicoemotiva e conseguenze diffuse sull’organismo: dallo stress al dolore cronico. Il punto di vista della medicina funzionale.

L'evento on-line di aggiornamento per operatori della salute integrata tenuto dal Dott. Joseph Cannillo, biologo, docente di naturopatia e fitoterapia, chiropratico e direttore scientifico del laboratorio Forza Vitale.

Mal di schiena in ufficio: benefici dei cambiamenti posturali. I dati di uno studio

Mal di schiena in ufficio: benefici dei cambiamenti posturali. I dati di uno studio. I disturbi muscoloscheletrici, soprattutto al collo e alla parte bassa della schiena, rappresentano un serio problema per chi lavora in ufficio, e contribuiscono notevolmente ad assenza dal lavoro, invalidità e richieste di risarcimento.

Le attività principali degli impiegati d’ufficio comportano lunghe ore di lavoro da trascorrere seduti, che provocano tensioni muscolari e affaticamento. Questo stile di vita sedentario può generare disagi di carattere muscoloscheletrico. Ricerche indicano che il disagio percepito da chi svolge lavori sedentari è sovente correlato a disturbi muscoloscheletrici, come il dolore al collo e alla schiena. Cambiare postura durante la seduta è considerato un modo naturale per ridurre il disagio e alleviare la pressione sulla colonna vertebrale. La seduta dinamica, con movimenti alternati dei muscoli del tronco, può ridurre il carico sulla colonna vertebrale e migliorare il flusso sanguigno.

Alcuni studi mostrano che la frequenza dei cambiamenti posturali durante la seduta varia da persona a persona, e che gli individui lamentanti dolore alla schiena hanno spesso uno comportamento sedentario. Un recente studio, ha coinvolto giovani impiegati d’ufficio in buona salute, ipotizzando che un aumento della frequenza nei cambiamenti posturali mentre si è seduti possa ridurre il disagio percepito.

Mal di schiena in ufficio: benefici dei cambiamenti posturali. I dati di uno studio

Scopo dello studio era quello di valutare gli effetti della frequenza di cambiamento posturale sul disagio muscoloscheletrico percepito durante un’ora di seduta in lavoratori d’ufficio in salute. Lo studio ha coinvolto 60 lavoratori d’ufficio in buona salute, chiamati a sedersi per un’ora, al fine di confrontare gli effetti di tre diverse frequenze di cambiamento posturale. Le frequenze di cambiamento posturale testate sono state 10, 20 e 30 volte all’ora. Il disagio percepito è stato valutato utilizzando la scala CR-10 di Borg. Per valutare e registrare il cambiamento di postura è stato utilizzato uno specifico tappetino di pressione posizionato sul sedile.

I risultati

La frequenza di cambiamento posturale da 10 a 30 volte all’ora ha avuto effetti significativi sul disagio percepito a livello di collo, spalle, schiena superiore e inferiore durante un’ora di seduta. Per quanto riguarda collo e spalle, una frequenza di cambiamento posturale di 30 volte all’ora ha significativamente ridotto il disagio percepito rispetto a una frequenza di 10 volte all’ora durante un’ora di seduta. Per la schiena superiore e inferiore, una frequenza di cambiamento posturale da 20 a 30 volte all’ora ha significativamente ridotto il disagio percepito rispetto a una frequenza di 10 volte all’ora.

I cambiamenti posturali a una frequenza di 30 volte all’ora hanno fornito effetti ammortizzanti sul disagio muscoloscheletrico percepito a livello di collo, spalle, schiena superiore e inferiore. Il link allo studio è qui.

 

DISCLAIMER

Le informazioni esposte nel sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate e/o rimosse in ogni momento, e in alcun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di una diagnosi e/o la prescrizione di un trattamento medico. Le informazioni contenute nel sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello degli specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni riportate nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati.