chiropraticatoday logo

Nevralgia del trigemino: l’approccio chiropratico. Uno studio sulla tecnica Atlas Orthogonal

Lo studio condotto in Australia dai dottori chiropratici Joseph Jerano e Dennis Richards

Share

Altre notizie

Mal di testa e Chiropratica

L'apporto del dottore chiropratico nell'approccio ai diversi tipi di mal di testa

Mal di schiena in ufficio: benefici dei cambiamenti posturali. I dati di uno studio

Indagata la relazione tra cambio di postura e riduzione del dolore

Postura ed emozioni: quale relazione? La parola al chiropratico

Un'indagine sul legame tra le nostre emozioni e la nostra postura, dal punto di vista del dottore chiropratico

Bert van der Tol: “La Chiropratica? Aperta al nuovo, rispettosa della tradizione”

Intervista esclusiva al noto imprenditore olandese attivo da molti anni nel settore della Chiropratica.

Nevralgia del trigemino: l’approccio chiropratico. Uno studio sulla tecnica Atlas Orthogonal

Nevralgia del trigemino: l’approccio chiropratico. Uno studio sulla tecnica Atlas Orthogonal. La nevralgia del trigemino rappresenta una condizione debilitante caratterizzata da episodi di dolore parossistico ricorrente distribuito lungo il quinto nervo cranico. Questo nervo ha origine nel ponte del tronco cerebrale e fornisce innervazione sensoriale e motoria al volto. Nonostante le numerose e complesse connessioni del sistema trigeminale, molti aspetti di questa rete nervosa non sono ancora ben compresi. La nevralgia del trigemino colpisce circa dodici persone ogni 100.000 e sembra essere più frequente nelle donne. Il dolore associato a questa condizione è generalmente unilaterale, acuto e caratterizzato da insorgenza e remissione rapide. Inoltre, può essere accompagnato da un dolore costante o pulsante. Gli stimoli apparentemente innocui, come il tocco di zone sensibili del viso, possono scatenare attacchi dolorosi, mentre i periodi di remissione possono variare e durare anche anni. Si tratta di una delle forme più intense di dolore, spesso causa di ansia, depressione, assenze dal lavoro e di una ridotta qualità di vita.

Nevralgia del trigemino: diagnosi e classificazione

Poiché mancano procedure diagnostiche conclusive per la nevralgia del trigemino, la diagnosi si basa principalmente sui sintomi riportati dal paziente, come il dolore al viso, alla mascella o ai denti. Le cause, la fisiopatologia e la prognosi a lungo termine di questa condizione non sono ancora completamente chiare. Sono state pertanto avanzate numerose ipotesi sulla sua eziologia, come riflette la classificazione attuale in nevralgia trigeminale idiopatica, classica o secondaria. La forma idiopatica non ha una causa nota, mentre la nevralgia trigeminale classica implica una compressione vascolare dell’arteria cerebellare superiore sulla zona di entrata delle radici del nervo trigemino nel ponte del tronco cerebrale. Questa compressione può danneggiare le radici nervose, causare demielinizzazione focale e alterare l’espressione dei canali del sodio regolati dalla membrana. Questa situazione può innescare scosse di iperattività nervosa indotte dagli stimoli, l’eccitazione incrociata tra neuroni adiacenti e un accumulo improvviso di attività elettrica, risultando nel dolore tipico della nevralgia del trigemino. Inoltre, la nevralgia trigeminale secondaria può derivare da condizioni patologiche come malformazioni arterovenose, tumori o sclerosi multipla.

Approcci terapeutici alla nevralgia del trigemino

Sono stati sperimentati diversi trattamenti per la nevralgia del trigemino, principalmente mirati a fornire un sollievo sintomatico. I singoli attacchi di nevralgia del trigemino sono spesso troppo rapidi e improvvisi per consentire un trattamento medico efficace. L’uso a lungo termine di farmaci anticonvulsivanti, come la carbamazepina o l’oxcarbazepina, rappresenta l’approccio medico di prima linea. Tuttavia, questi farmaci possono causare effetti collaterali indesiderati e non sempre risultano efficaci. In caso di inefficacia o effetti collaterali inaccettabili, possono essere utilizzati altri farmaci o proposte procedure chirurgiche. Tra le opzioni vi sono la termorizotomia con radiofrequenza, la microcompressione con palloncino percutaneo, la rizotomia con glicerolo, la radioschirurgia con gamma knife e la decompressione microvascolare chirurgica, la procedura più comune ma anche invasiva. Tuttavia, tutte queste opzioni presentano rischi e costi, e possono non garantire risultati duraturi, sollecitando quindi ulteriori ricerche per individuare approcci più sicuri ed efficaci.

Nevralgia del trigemino: il ruolo della Chiropratica

Tra le possibili alternative ai trattamenti medici e chirurgici, vi è l’approccio chiropratico. La Chiropratica si basa sull’idea che le sublussazioni della colonna vertebrale e delle altre articolazioni possano interferire con la regolazione del sistema nervoso e con il benessere generale dell’organismo. I chiropratici utilizzano varie tecniche per correggere le sublussazioni mediante aggiustamenti vertebrali, spesso eseguiti manualmente ma talvolta anche tramite strumenti meccanici.

chiropratica nevralgia trigemino atlas
New Africa – stock.adobe.com

Date le complesse strutture della parte superiore della colonna cervicale e la loro importanza nella connessione tra cervello e midollo spinale, alcune tecniche chiropratiche si concentrano su questa area. Ad esempio, la tecnica Atlas Orthogonal.

La tecnica chiropratica Atlas Orthogonal

Atlas Orthogonal è una tecnica chiropratica che consiste in un intervento delicato e preciso finalizzato a correggere l’equilibrio della colonna vertebrale. Attraverso un contatto controllato e preciso sulla prima vertebra del collo, la C1 detta anche Atlas, il chiropratico mira a ripristinare l’armonia della colonna vertebrale, consentendo al sistema nervoso di operare in maniera ottimale e ripristinando l’equilibrio corporeo. Questa procedura ha effetti benefici che vanno oltre il collo, influenzando positivamente tutta la colonna vertebrale e l’intero organismo. La tecnica Atlas Orthogonal prevede l’utilizzo di uno strumento percuotente per applicare una forza correttiva alla vertebra Atlas, in una specifica direzione (vettore). La precisione di questa forza correttiva si basa su misurazioni lineari prese dai raggi X della colonna cervicale, specifiche per questa tecnica. Questo approccio mira a riposizionare l’atlante in modo ortogonale rispetto alla testa, alla colonna cervicale e all’orizzonte, al fine di rimuovere l’interferenza della sublussazione sulla funzione del sistema nervoso.

Atlas Orthogonal e nevralgia del trigemino: i dati di uno studio

In un recente studio condotti da Joseph J. Ierano e Dennis Richards, è stato esaminato l’effetto dell’approccio chiropratico Atlas Orthogonal sui pazienti con nevralgia del trigemino cronica e grave. Cinque partecipanti sono stati reclutati per la ricerca e sottoposti a un rigoroso esame clinico. Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a una consultazione iniziale e a un esame ortopedico e neurologico. La consultazione iniziale ha permesso di stabilire la condizione dei pazienti e di determinare se rispondevano ai criteri di ingresso nello studio. Questi criteri includono una diagnosi di nevralgia del trigemino cronica da parte di medici, l’assenza di miglioramenti nonostante varie terapie, tra cui farmaci, massaggi e/o interventi chirurgici, e l’utilizzo di valutazioni tramite l’approccio Atlas Orthogonal. A quel punto ogni singolo partecipante è stato trattato secondo i protocolli specifici della tecnica Atlas Orthogonal. La vertebra Atlas di ciascun partecipante è stata aggiustata utilizzando uno specifico strumento. Il punto di contatto sulla pelle della parte superiore della colonna cervicale è stato posizionato tra il processo mandibolare e mastoideo, appena sotto la fessura trago dell’orecchio inferiore. Nessun’altra parte della colonna vertebrale o del corpo è stata sottoposta ad aggiustamenti. Nessun partecipante ha riportato eventi avversi o imprevisti. Sono state effettuate registrazioni su scala analogica visiva durante ogni visita prima dell’aggiustamento.

I risultati preliminari dello studio indicano che l’approccio chiropratico cervicale superiore Atlas Orthogonal potrebbe avere un effetto positivo sui pazienti affetti da nevralgia del trigemino. Quattro dei cinque partecipanti hanno riportato una riduzione del dolore, mentre due di loro hanno sperimentato una completa cessazione del dolore. Inoltre, alcuni partecipanti hanno potuto ridurre il dosaggio dei farmaci utilizzati per il controllo del dolore.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati preliminari e comprendere appieno i meccanismi sottostanti dell’efficacia dell’approccio chiropratico Atlas Orthogonal, questo studio fornisce una prospettiva promettente per il trattamento della nevralgia del trigemino. La chiropratica cervicale superiore potrebbe offrire un’opzione terapeutica sicura, non invasiva ed efficace per i pazienti che cercano sollievo dal dolore debilitante associato a questa condizione.

Joseph Ierano DC

Joseph Ierano DC

Il Dottor Joseph Ierano è chiropratico di lunga data. Laureatosi negli Stati Uniti, è tornato in Australia nel 1997, fondando Chiropractic Ierano a Camden, New South Wales. È il praticante di Atlas Orthogonist più longevo in Australia, specializzato nell’applicazione della Procedura Atlas Orthogonal.

Dennis Richards BSc, DC, PhD

dennis richards chiropractic chiropratico
Dennis Richards BSc, DC, PhD

Il Dott. Dennis Richards, DC, BSc si è laureato in Chiropratica (cum laude) presso il Palmer College nel 1975 e ha praticato in Italia prima di fare ritorno al suo paese natale, l’Australia, e stabilire uno studio chiropratico a Tweed Heads, New South Wales. Ha ricoperto molte posizioni di leadership nella Chiropractic Association of Australia(CAA), incluso il ruolo di membro del consiglio direttivo della CAA dal 1998 e di Presidente della CAA (2007 – 2009). Nel 2001 ha ricevuto il CAA Chiropractor of the Year Award. Nell’anno precedente è stato onorato con il Chiropractic Heritage Award dal Palmer College. È stato rappresentante della regione del Pacifico nel Consiglio della Federazione Mondiale di Chiropratica dal 2001 al 2015 ed è stato Presidente della Federazione dal 2012 al 2014. Dal 2003 al 2005 è stato membro del WFC Identity Task Force.

 

 

DISCLAIMER

Le informazioni esposte nel sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate e/o rimosse in ogni momento, e in alcun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di una diagnosi e/o la prescrizione di un trattamento medico. Le informazioni contenute nel sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello degli specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni riportate nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati.