chiropraticatoday logo

Il colpo della strega: cos’è? Cosa fare? Come prevenirlo?

I suggerimento del chiropratico

Share

Altre notizie

Rivista Chiropratica & Salute: disponibile il nuovo numero

Rivista Chiropratica & Salute: disponibile il nuovo numero. È...

Mal di testa e Chiropratica

L'apporto del dottore chiropratico nell'approccio ai diversi tipi di mal di testa

Mal di schiena in ufficio: benefici dei cambiamenti posturali. I dati di uno studio

Indagata la relazione tra cambio di postura e riduzione del dolore

Postura ed emozioni: quale relazione? La parola al chiropratico

Un'indagine sul legame tra le nostre emozioni e la nostra postura, dal punto di vista del dottore chiropratico

Il colpo della strega: cos’è? Cosa fare? Come prevenirlo?

Il colpo della strega: cos’è? Cosa fare? Come prevenirlo? A chi non è mai capitato di subire un colpo della strega o di conoscere qualcuno a cui è successo? La maggior parte delle persone crede che questo blocco sia causato da ernie o movimenti bruschi o sollevamenti pesanti, ma questo è un vero e proprio luogo comune.
Proviamo allora a fare chiarezza e a spiegare cosa succede a livello fisiologico, muscolare, meccanico e soprattutto neurologico, quando ci si blocca vittime del colpo della strega.

Colpo della strega: cos’è?

Il colpo della strega è la comparsa improvvisa di un dolore acuto, solitamente nella parte lombare della colonna, che compare di colpo in seguito a movimenti insoliti, forzati, troppo intensi o mal controllati. Parte dal tratto lombare o sacrale della colonna, come una sensazione di pesantezza, di fitta, che s’irradia generalmente verso il gluteo, o in casi più gravi lungo il retro della gamba. Si associa a un’importante contrattura riflessa della muscolatura lombare attorno alle vertebre, che blocca i movimenti.

colpo della strega
thodonal – stock.adobe.com

Tutti i chiropratici hanno regolarmente a che fare pazienti che arrivano in studio “piegati” dal dolore, dicendo di soffrire di colpo della strega dopo aver fatto un movimento strano, molto spesso senza aver necessariamente sollevato un peso. Il blocco è, in realtà, causato da uno spasmo muscolare che serve a proteggere le vertebre e i nervi. Il colpo della strega in realtà è un meccanismo difensivo del corpo che serve a evitare che le ossa si spostino e danneggino i delicati tessuti nervosi che collegano il cervello al resto del corpo.

Colpo della strega: perché avviene?

Dal punto di vista fisiologico le cause del colpo della strega vanno ricercate, oltre che nella mancanza di elasticità della muscolatura paravertebrale, in patologie che colpiscono le strutture vertebrali presenti in questa zona. Non è questione di peso sollevato, ci sono persone che si bloccano con uno starnuto particolarmente forte, o semplicemente chinandosi per infilarsi le calze.

Un momento particolarmente delicato è la mattina, appena svegliati, quando è consigliabile sedersi sul bordo del letto, appoggiare i piedi per terra e aspettare qualche minuto prima di attivare i muscoli della schiena e tirarsi in piedi.

Dal punto di vista neurologico

Dal punto di vista neurologico è un discorso di coordinazione muscolare. Il cervello controlla tutti i muscoli posturali di cui non ne abbiamo il diretto controllo volontario. La stabilità della colonna è mantenuta da un delicato equilibrio di muscoli che si contraggono e si rilassano con un sistema di feedback e di informazioni che il cervello riceve costantemente da ogni singola cellula del nostro corpo. Quanto questo equilibrio e questa stabilità vengono a mancare il cervello manda un messaggio, un ordine di contrazione al muscolo sbagliato e si verifica il blocco.

Colpo della strega: cosa fare?

Cosa fare nel caso di colpo della strega? Innanzitutto rimanere calmi e tranquilli senza agitarsi e causare ulteriori danni alla propria muscolatura, cercare di mettersi seduti o sdraiati con le gambe leggermente sollevate. Il riposo è la prima forma di terapia da adottare, questo può essere necessario dalle 12 alle 48 ore in base alla gravità della contrattura. È utile fare delle applicazioni di caldo e di freddo alternando, il caldo per creare vasodilatazione e rilassare la muscolatura contratta e il freddo per causare vasocostrizione, diminuire l’infiammazione e anestetizzare leggermente la zona dolorante. L’intervento del chiropratico è poi fondamentale per riallineare la colonna e rimuovere quelle interferenze nel sistema nervoso che probabilmente hanno causato il blocco in primis. Attenzione! Tutti questi suggerimenti aiutano a rimuovere il dolore e a recuperare dalla situazione di blocco ma non garantiscono la ricomparsa del problema se non si corregge la causa e non si rinforzano quei muscoli posturali profondi responsabili della stabilizzazione della colonna.

Come prevenire il colpo della strega

Concludiamo parlando di prevenzione. L’attività fisica gioca un ruolo fondamentale nella salute giornaliera e nel benessere della colonna vertebrale. Senza dimenticarci di una corretta alimentazione e di un’abbondante idratazione. Rinforzare i muscoli addominali con degli esercizi a corpo libero a terra e dello stretching regolare può minimizzare la possibilità di rimanere bloccati con la schiena. Altre abitudini da evitare sono il dormire a pancia in giù, stare seduti troppo tempo nella stessa posizione e accavallare le gambe. E la cosa più importante di tutti rimane comunque il farsi controllare regolarmente dal proprio chiropratico.

Joseph Luraschi, DC

Joseph Luraschi Chiropratico

Joseph Luraschi, dottore chiropratico, laureato in Inghilterra presso l’Anglo-European College of Chiropractic di Bournemouth, socio del centro Chiropratica CityLife Milano, membro dell’Associazione Italiana Chiropratici, chiropratico personale di molti personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo. Seguitissimo il suo profilo Instagram, con circa 35.000 followers.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte nel sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate e/o rimosse in ogni momento, e in alcun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di una diagnosi e/o la prescrizione di un trattamento medico. Le informazioni contenute nel sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello degli specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni riportate nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati.