chiropraticatoday logo

Fumo e mal di schiena: c’è il collegamento? Cosa dicono gli studi

I risultati di due studi condotti negli Stati Uniti confermerebbero la stretta relazione tra il fumo e il mal di schiena

Share

Altre notizie

Mal di testa e Chiropratica

L'apporto del dottore chiropratico nell'approccio ai diversi tipi di mal di testa

Mal di schiena in ufficio: benefici dei cambiamenti posturali. I dati di uno studio

Indagata la relazione tra cambio di postura e riduzione del dolore

Postura ed emozioni: quale relazione? La parola al chiropratico

Un'indagine sul legame tra le nostre emozioni e la nostra postura, dal punto di vista del dottore chiropratico

Bert van der Tol: “La Chiropratica? Aperta al nuovo, rispettosa della tradizione”

Intervista esclusiva al noto imprenditore olandese attivo da molti anni nel settore della Chiropratica.

Fumo e mal di schiena: c’è il collegamento? Cosa dicono gli studi

Fumo e mal di schiena: c’è il collegamento? Cosa dicono gli studi. Da lungo tempo i chiropratici notano nei pazienti fumatori la tendenza a soffrire più frequentemente di mal di schiena e di dolori al collo, oltre a presentare tempi di recupero più lunghi e maggiori difficoltà. Queste osservazioni paiono trovano solide basi nelle ricerche condotte sull’argomento.

Fumo e mal di schiena: c’è il collegamento? Cosa dicono gli studi

Uno studio condotto da Green et al. denominato Association Between Smoking and Back Pain in a Cross-Section of Adult Americans ha analizzato l’associazione tra fumo e dolore alla schiena, evidenziando come una maggiore esposizione al fumo di sigaretta sia correlata a una maggiore prevalenza di questo tipo di dolore. Ulteriori ricerche, come quella condotta da Yang et al. e denominata Association Between Smoking and Pain, Functional Disability, Anxiety and Depression in Patients With Chronic Low Back Pain hanno dimostrato che i fumatori manifestano livelli più elevati di dolore alla schiena rispetto ai non fumatori. È inoltre emersa dalle ricerche una correlazione tra la quantità di sigarette fumate quotidianamente e la presenza di dolore e anche depressione tra i pazienti affetti da dolore cronico al tratto basso della schiena.

La dottoressa Claire Johnson, presidente del Comitato di Salute Pubblica della World Federation of Chiropractic (WFC), sottolinea l’importanza che i chiropratici condividano queste informazioni basate sull’evidenza con i pazienti fumatori e con coloro che potrebbero essere soggetti al rischio del fumo, come i bambini e gli adolescenti. Dai canali social della WFC dichiara infatti: “È imperativo che gli chiropratici condividano queste informazioni basate su evidenze con i loro pazienti fumatori e con i pazienti che potrebbero essere inclini a fumare, come i bambini e gli adolescenti. Questa è un’importante opportunità per i chiropratici di educare i pazienti in merito all’influenza negativa che il fumo ha sulla salute spinale.”

Fumo e mal di schiena: i dati in Italia

Nel 2021, secondo dati ISTAT, i fumatori, tra la popolazione italiana di 14 anni e più, erano poco meno di 10 milioni. La prevalenza è pari al 19%. Forti sono le differenze di genere: tra gli uomini i fumatori sono il 22.9% tra le donne il 15,3%. Il fumo di tabacco è risultato più diffuso nella fascia di età tra i 25-44 anni dove circa 1 persona su 4 ha l’abitudine di fumare. Quanto al mal di schiena, secondo alcune stime sarebbero ben 15 milioni gli italiani che ne soffrono.

 

DISCLAIMER

Le informazioni esposte nel sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate e/o rimosse in ogni momento, e in alcun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di una diagnosi e/o la prescrizione di un trattamento medico. Le informazioni contenute nel sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o quello degli specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio medico curante. In nessun caso il sito, L’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni riportate nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati.